bechildren va in india

BeChildren 2.0 – Progetto in India

pubblicato in: Notizie dal Mondo | 0

Nel “Piccolo Tibet” c’è bisogno di BeChildren

L’India, in pochi lo sanno, è il secondo stato più popolato del mondo e uno dei primi per densità.

Purtroppo però è tra gli stati più poveri del mondo e vive in gravi condizioni di igiene e salute.

Le zone montuose vicino all’Himalaya poi sono quasi del tutto prive di strade, e le poche presenti sono lunghe, tortuose e dissestate. Frane e valanghe sono all’ordine del giorno, e ovviamente l’asfalto è un’optional raro.

E proprio nella zona che chiamano il “Piccolo Tibet” nell’estremo nord dell’India, si trova Leh: una città montuosa di circa 28.000 abitanti, povera, fredda e senza ospedali.

Malattie e Ospedali

L’incidenza di cardiopatie congenite e problemi respiratori gravi è davvero molto frequente, e le strutture mediche più vicine sono a 400 km di distanza. Per curare queste malattie però servono ospedali attrezzati, che si possono trovare solo a più di 1000 km dalla città.

Ma chi ha fretta deve pagarsi il costoso volo aereo. Agli altri restano le pericolose vie montuose.

I malati poi sono spesso giovani, e ancora più spesso non sopravvivono all’inverno.

L’intervento di BeChildren

Per questo BeChildren vuole aiutare la Ladakh Heart Foundation a completare un’opera iniziata anni fa mai terminata per mancanza di fondi.

In primis si intende finire il parco giochi per ragazzi, dove potranno giocare e divertirsi in sicurezza.

Gli ospedali verranno poi riforniti di apparecchiature fondamentali come:

  • lampada per operare
  • defibrillatori
  • monitor digitali
  • pacemaker cardiaci
  • autoclavi per l’acqua pulita
  • macchine per rianimazione portatile

Un altro passo che uBroker, insieme a BeChildren, fa verso i bambini delle città più povere, per aiutarli a conquistare i loro diritti fondamentali, come le cure mediche e un sano divertimento.

Ad Ottobre invece BeChildren (nella persona di Edi Righi) andrà in Tanzania per vedere con i suoi occhi i piccoli grandi passi già compiuti verso l’istruzione infantile della zona.

Lascia una risposta