google hardware 4 ottobre, pixel, daydream, vr, home, wifi, chromecast ultra

Tutte le novità di Google nel 2016

pubblicato in: Notizie dal Mondo | 0

Il 4 Ottobre Google ha svelato le sue novità, cosa possiamo dire oggi?

Google ha deciso di fare il suo debutto nel mondo hardware già da tempo.

Ricordiamo infatti i Google Glass, ora usciti di produzione, le prime versioni di Chromecast, il termostato Nest acquistato nel 2014, e tutte le partnership per i dispositivi Nexus, dagli smartphone agli Home Hub.

Dall’ultimo Google I/O però abbiamo appreso le intenzioni di Big G nel dedicarsi alla produzione di hardware in casa propria.

Vediamo infatti da martedì 4 ottobre che il nuovo sito madeby.google.com presenta notevoli novità:

  • Google Pixel
  • Home by Google
  • Wi-Fi by Google
  • Visore VR by Google
  • Streaming by Google

Google Pixel

Il primo è il nuovissimo smartphone prodotto dalla stessa Google: Pixel.

  • Il design premium in alluminio e vetro
  • l’assistente virtuale integrato nell’intero sistema operativo
  • la fotocamera migliore sul mercato smartphone
  • spazio illimitato su cloud per foto e video
  • un sensore di impronte digitali sul retro
  • un colore blu davvero unico

lo rendono un top di gamma all’altezza, se non superiore secondo alcuni, dell’ultimo iPhone 7.

Google Home

Il secondo pezzo della nuova collezione è l’assistente per la casa smart di Google di oggi e di domani, un centro che collega tutti i propri dispositivi come smart tv, Nest, Google Cast e tutti gli altri dispositivi Android collegati alla casa.

Si distingue per

  • la base customizzabile e intercambiabile
  • un pannelo soft touch sull’estremità
  • la possibilità, sempre con Google Assistant, di controllare tutti i propri oggetti smart con comandi vocali

Inoltre possiede un audio HiFi di alta qualità per riprodurre la musica in casa se fossimo sprovvisti di una smart tv o di Chromecast (in fondo).

Google Wifi

Questo dispositivo è un router Wi-Fi by Google davvero elegante e minimale, prodotto per massimizzare la portata del segnale in tutta la casa e finalmente renderci davvero padroni della nostra rete.

E’ infatti corredato da un’app per gestire il network, condividere la password, vedere i dispositivi connessi e dare a ciascuno una priorità di connessione.

Ma la chicca più interessante è quella di poter bloccare il segnale a determinati dispositivi, come ai figli quando vanno a letto o mentre dovrebbero studiare.

Finalmente avremo un’app per controllare il wifi in modo rapido e intuitivo.

Daydream

Daydream è forse la novità più ambiziosa. Infatti non è solo un visore Google VR, è un progetto che riassunto in poche parole significa: aumentare la qualità della realtà virtuale low cost.

Il primo passo di Google in tal senso è stata la Google CardBoard, un visore letteralmente in cartone che portò il VR nella casa di chiunque avesse 5$ di budget da dedicarci.

Oggi il visore si evolve anche nel design, con materiali soft e un peso sempre contenuto, e questa volta è compatibile solo con cellulari che soddisfano determinate caratteristiche di schermo, giroscopio e fluidità, per garantire un’esperienza immersiva di livello eccelso.

Google così non solo determina il nuovo standard di cellulari per la Realtà Virtuale, ma fa molto di più.

Grazie al nuovo visore Google Daydream potrai non solo guardare, ma agire. E’ infatti corredato da un telecomando tocuh per interagire davvero col mondo virtuale e immergersi in giochi a 360°. Una vera rivoluzione.

Chromecast Ultra

Ultimo della fila è il più famoso dispositivo di streaming al mondo: Chromecast.

Inizialmente una semplice chiavetta HDMI per trasmettere in streaming dal cellulare alla TV in HD, oggi diventa un dispositivo dal design originale e versatile in grado di trasmettere contenuti con una definizione 4K UHD e HDR, le massime oggi in commercio.

Quindi anche il Chromecast 2 si evolve passando da una definizione Full HD a Ultra HD, che è di quattro volte superiore.

Tutte queste novità sono al momento presenti solo negli statu uniti, eccezion fatta per Chromecast. Chiunque fosse interessato però può avere accesso anche agli altri dispositivi passando per vie traverse.

Lascia una risposta