energia green con gli occhiali da sole

Occhiali 2.0: Smart e alla Moda

pubblicato in: Energie Rinnovabili | 0

Saranno indossati da tutti nel futuro oppure non riusciranno a sfondare il mercato?

Per quanti è stato un problema trovarsi per strada con il telefono scarico e senza soluzioni?

Capita spesso, a causa della ancora scarsa durata della batteria dei nostri tanto affezionati smartphone.

Per fortuna l’energia pulita può essere ottenuta attraverso alcuni comuni oggetti che durante la giornata circondano chiunque, e L’Istituto di Tecnologia di Karlsruhe ha riflettuto a lungo su come poterne estrarre senza complicazioni aggiunte.

Per non creare il nuovo wearable (indossabile) che nessuno userà mai sono quindi partiti da un oggetto che usano tutti: gli occhiali da sole. A questo punto bisognava solo fargli estrarre energia dal sole.

Hanno così creato un prototipo che si mostra come un classico occhiale con lenti oscurate, ma all’interno pulsa il cuore elettronico di questo dispositivo.

Possono essere classificati come Sistema di ricarica wearable: un gadget che fornisce energia.

Le lenti sono formate da celle solari organiche, ottimali per questo tipo di compito.

Si tratta di una tecnologia molto dinamica, potendone controllare la trasparenza, lo spessore e il colore personalizzabile. Sono grazie all’assenza di silicio sono molto leggere, e questo permette che si adattino alle esigenze dei clienti.

Queste lenti solari serviranno ad alimentare un termometro e due piccoli display nelle stanghette. Questi smart-glasses potranno quindi riportare sui lati l’intensità della luce e la temperatura registrati.

occhiali 2.0, occhiali smart

Un ottimo vantaggio sarà quello di poter sfruttare i pannelli anche indoor, attraverso la luce artificiale.

Il ricavo energetico sarà inferiore rispetto all’esterno, ma sufficiente alle necessità energetiche di questi occhiali, o per l’alimentazione di dispositivi acustici o pacemaker.

Per ora ricaricare il cellulare è fuori questione, ma con gli sviluppi dei prossimi anni potremmo presto disporre di moltissimi gadget fotovoltaici.

Lascia una risposta